Livelli di inquinamento in ulteriore aumento: come ridurre il proprio impatto ambientale con un sistema di riscaldamento sostenibile

Prosegue la situazione di allerta a livello di inquinamento atmosferico per la città metropolitana di Torino.

Come riportato da La Stampa del 13/01, le centraline dell’Arpa hanno segnalato negli ultimi giorni il raggiungimento di livelli di pm10 ben superiori al limite di 50 microgrammi. In alcuni casi si sono toccate le soglie critiche di 80-100 microgrammi al metro cubo.

Persistono pertanto le misure di contenimento delle emissioni generate dal traffico e dall’utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa, mentre il limite di temperatura degli impianti di riscaldamento andrà tarato a 19°C (con tolleranza di 2°C) per le temperature medie negli edifici.

Questa situazione conferma come purtroppo ormai da anni l’inverno rappresenti un momento di grave criticità a livello di inquinamento atmosferico per la città metropolitana di Torino.

Dotarsi di un impianto di riscaldamento che esuli dall’utilizzo di combustibili fossili è dunque una scelta saggia e responsabile, ma soprattutto necessaria.  

Grazie ad un sistema a pompa di calore geotermica, idrotermica o aerotermica posso garantire al mio edificio un livello di comfort ottimale, offrendo al contempo un contributo fondamentale per la tutela dell’ambiente.

 

Altri articoli pubblicati sull’argomento:

• Allerta aumento livelli di inquinamento a Torino